#TICBLIVE

mercoledì 11 marzo 2015

I classici di TiCB: Juventus 1974-1975

Torna il best of, il mix di pillole pescate dal passato, di TiCB.

Questa rubrica propone infatti alcuni pezzi di storia di Tutto il calcio grazie alla collaborazione con il canale You Tube di Marco d'Alessandro MXMCLASSIC.

Riviviamo assieme le emozioni del 16° titolo bianconero, quello datato 1974-1975
In estate, mentre la Lazio campione in carica sceglieva di mantenere invariata la propria rosa, le altre squadre andarono incontro a grandi operazioni di mercato nonché a vere e proprie rivoluzioni dell'area tecnica che finirono per alterare notevolmente gli equilibri del torneo. Il Milan condusse un'autorevole opera di rafforzamento, puntando sull'ex allenatore torinista Giagnoni che portò con sé Bui e Zecchini, e acquistando, tra gli altri, Bet e Calloni; i granata, intanto, richiamarono sulla loro panchina Fabbri e pescarono vari elementi in provincia, tra cui l'ex prodotto del vivaio Zaccarelli. La Juventus scelse come nuovo allenatore Parola, "bandiera" bianconera del passato e reduce da alcuni buoni campionati in Serie B col Novara, ampliando l'organico con l'ala del Vicenza Damiani e col promettente libero atalantino Scirea. L'Inter, dopo aver cercato a lungo d'ingaggiare il tecnico rumeno Kovács, si affidò infine all'ex gloria Suárez, limitando gli arrivi al fantasista della Massese Cerilli e lasciando andare Bellugi al Bologna, Bedin alla Sampdoria e il duo Burgnich-Massa al Napoli.
La Lazio campione uscente partì bene, ma alla quinta giornata subì la rimonta dell'Inter all'Olimpico; si formò un nutrito gruppo di otto squadre raggruppate in soli due punti. Il Bologna di Savoldi tentò un'avanzata, ma a scattare fu la Juventus di Parola; affascinato dal gioco offensivo mostrato dall'Olanda di Michels, il nuovo allenatore superò immediatamente un pesante scoglio, il grave infortunio occorso a Spinosi, trovando nel duo Morini-Scirea e nella coppia di terzini formata dal maturo Cuccureddu e dal debuttante Gentile una difesa abbastanza solida per poter esprimere il gioco desiderato. Il 15 dicembre la Juventus sembrò ridimensionare le ambizioni del Napoli vincendo al San Paolo per 2-6; lo stop in casa della Lazio, il 5 gennaio, non condizionò troppo l'andamento della squadra piemontese, che chiuse il girone d'andata con tre punti di vantaggio sui biancocelesti, secondi, e quattro sulla Roma del rientrante De Sisti e del ritrovato Cordova. Nelle prime giornate del girone di ritorno la Juventus continuò il suo cammino senza troppi problemi, allungando anche fino a 5 punti sulle seconde, la Lazio in ansia per il male che aveva colpito l'allenatore Maestrelli e il ritrovato Napoli. La squadra di Vinício, anch'essa desiderosa di imitare il modello olandese, dopo la pesante sconfitta di dicembre era riuscita a trovare un equilibrio anche in fase difensiva. Gli azzurri si lanciarono dunque all'inseguimento, arrivando allo scontro diretto del 6 aprile a soli due punti dalla capolista; fu un gol dell'ex Altafini (core 'ngrato), riserva di lusso per i bianconeri, a fermarli. Nelle successive giornate la Juventus si limitò a controllare il lieve vantaggio sul Napoli: il suo rendimento calò, come dimostra il pesante 1-4 subito a Firenze alla penultima giornata, ma mandando al tappeto il 18 maggio una già retrocessa Lanerossi Vicenza, vinse comunque il titolo. Fu negativo il rendimento delle due milanesi. L'Inter non andò oltre il nono posto, chiudendo rapidamente le esperienze di Suárez in panchina e di Cerilli in rosa; il Milan strappò la qualificazione alla Coppa UEFA all'ultima giornata, pagando l'altalenante rendimento di Calloni, attaccante prolifico ma dall'errore sotto porta troppo facile (il giornalista Gianni Brera lo apostrofò "lo sciagurato Egidio", con riferimento al personaggio dei Promessi Sposi), e la polemica tra Gianni Rivera e il presidente rossonero Buticchi, che portò il calciatore a tentare l'acquisto della società. Il capocannoniere fu, per la seconda volta, Paolo Pulici, goleador del Torino. Poco avvincente la lotta per la salvezza; rimase ultimo il Varese, seguito dalla Ternana, che perse malamente le ultime cinque gare perdendo il contatto con la Sampdoria; lombardi e umbri abbandonarono la Serie A dopo un solo anno di permanenza. Ultima a cadere fu la Lanerossi Vicenza, condannata al ritorno in B dopo 20 anni. Grazie a un buon girone di ritorno, si salvò l'esordiente Ascoli, prima squadra marchigiana in A. [FONTE WIKIPEDIA]
Ma ecco il momento saliente
Campionato di Serie A 1974-1975
30a Giornata - Juventus - Lanerossi Vicenza 5-0
18 Maggio 1975
Radiocronaca di Enrico Ameri

Ecco la nostra collezione speciale
Noi torniamo prossimamente
-->

0 commenti:

TICB Tv

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.