martedì 22 maggio 2018

Tutto il Giro bloB 2018 (01)

#tuttoilcalcioblog



di Stefano Stradotto

Edizione numero 101 del Giro d'Italia e anche quest'anno grande impegno per Radio 1 Rai nel racconto della corsa rosa. Ecco dunque tornare per il sesto anno consecutivo anche il nostro relativo blob speciale, in questo caso con la prima metà della programmazione dedicata a questa edizione 2018.
Non possiamo che partire con la notizia più bella che lo speciale dedicato al Giro d'Italia ha portato con sè, vale a dire il ritorno al microfono dopo tre mesi di Giovanni Scaramuzzino. Per lui il ruolo di conduttore e coordinatore da studio per quanto concerne le dirette nei pomeriggi feriali. Un caloroso bentornato con affetto anche da parte nostra!

Ed iniziamo con le nostre pillole di cronache del Giro partendo naturalmente dal prologo israeliano. Subito in difficoltà quello che sulla carta sarebbe dovuto essere il leader per noi italiani, vale a dire Fabio Aru, che sembra avere problemi proprio con la partenza estera, come ci riferisce Emanuele Dotto..
"..50 secondi per Aru è un distacco pesante anche alla dogana di Gerusalemme..."
Subito bene invece l'altro italiano al Giro per fare classifica, il lucano Pozzovivo che merita così di essere immediatamente ribattezzato..
"..Domenico Pozzo-argento-vivo..!"
Finita la crono Dotto cede la linea "..Da Gerusalemme grazie per l'ascolto, appuntamento a domani!.."
Ma Giovanni Scaramuzzino ne stoppa subito le velleità..
"..No no Emanuele, noi proseguiremo anche dopo le 16 con il dopo tappa... Emanuele voleva già andare in fuga...!"

Seconda tappa israeliana che porta il gruppo a Tel Aviv. Trasferimenti non facili ed in qualche modo anche incongruenti rispetto a celebri proverbi del luogo, secondo Dotto..
"..A Gerusalemme si prega, ad Haifa si lavora, a Tel Aviv ci si diverte.. Noi ci divertiremo un po' meno perchè abbiamo da fare 5 ore di pullman per trasferirci a Beer Sheva, sede di partenza di domani.."

Animali insoliti in questo altrettanto insolito avvio di Giro, scenari che sorprendono a maggior ragione l'esordiente, in ambito corsa rosa, Manuel Codignoni..
"..A bordo strada si sono visti anche gruppi di caproni..!..."
Dotto è concentrato intanto sugli "animali" in corsa..
"..Le lepri invece sembrano un po' stanche, fuga destinata ad esaurirsi.."

Al ritorno in Italia, in Sicilia, Emanuele conferma comunque come la coppia con il giovane collega sia già ben rodata, anche in tema ciclistico..
"..Io e Manuel Codignoni andiamo in tandem..!"

Il primo arrivo in salita della 101a edizione è proprio in terra siciliana, sull'Etna. Paolo Bettini è ospite in postazione, ma delude Dotto..
"..Ho fatto la salita in macchina..."
"..Ah, niente bicicletta... Marce basse.."
L'andamento di tappa rinfranca Emanuele..
"..Non è un andamento lento, non è quello cantato da Tullio De Piscopo.."
A preoccupare è piuttosto la situazione dei motocronisti, in particolare quella di Massimo Ghirotto..
"..Massimo forse è in una zona coperta, speriamo non una zona coperta dalla lava sennò sarà difficile riemergere..."
Nel frattempo Manuel Codignoni prova a coinvolgere nuovamente Bettini..
"..Paolo Bettini, qui fa abbastanza freddo, cosa può significare per gli uomini di classifica..?"
Ma l'ex campione del mondo sembra avere un chiodo fisso per i motori, almeno in questa giornata..
"..Mah, diciamo che in questo tipo di salita fa bene al radiatore trovare un po' di fresco..."
Ed infatti, alla fine, Dotto lo fa felice collocandolo su una moto, seppur virtuale..
"..Ci colleghiamo con Antonello Brughini, moto 2..... Non c'è moto 2 e allora linea a moto 3, Paolo Bettini..!"
Nonostante le lecite preoccupazioni, recuperata anche moto 1..
"..E' riemerso dalla lava e dalla lavanda Massimo Ghirotto..!"
Protagonista in corsa un corridore predestinato già nel nome, almeno secondo la riflessione di Dotto..
"..Henao Montoya, due cognomi, due pedali.."

L'indomani si comincia a risalire l'Italia, percorrendo la Calabria. I segni del tempo che passa impietoso e dei ruoli che cambiano, nel passaggio di linea da Dotto a moto 1..
"..Andiamo da Massimo Ghirotto che vinse a Oropa con i capelli, adesso ha il casco e non ha più i capelli.."
Un altro ex campione del mondo è ospite nella circostanza, anche se il mancato terzo successo in volata di Viviani ne certifica suo malgrado il cambio all'anagrafe..
"..Alessandro Ballan, sballan perchè hai sbagliato il pronostico.. Io posso sbagliare la volata ma tu avevi detto vittoria a Viviani al 95%....."
In postazione dunque Dotto, Codignoni e Ballan-Sballan, un terzetto che Emanuele inquadra così..
"..Siamo sempre in tre, tre briganti e tre somari.."
Sono due invece i corridori caduti e le loro relative bici, che Manuel Codignoni ci descrive con un'immagine inedita..
"..Le due biciclette si sono incastrate quasi fossero due gemelli siamesi..!..."

Nei giorni a seguire ecco ulteriori arrivi in salita che chiudono la prima settimana, a Montevergine di Mercogliano e sul Gran Sasso; la maglia rosa è già sulle spalle di Simon Yates, scortato dai suoi compagni di squadra e da Emanuele Dotto in musica..
"..Mi veniva in mente prima, guardando Roman Kreuziger, la prima guardia della maglia rosa Simon Yates, Prima Guardia, la canzone dei Litfiba.."

Si susseguono di fatto ogni giorno gli ospiti illustri in postazione, e all'inizio della seconda settimana di corsa è la volta di Gianni Motta. Giovanni Scaramuzzino da studio cede dunque la linea... al Paese dei balocchi...
"..Gianni Motta, allora buon lavoro per oggi perchè coadiuverai i nostri Pinocchio e Lucignolo....!"
Dotto conferma che per Motta c'è già un ruolo pronto..
"..Lui sarà Mangiafuoco...!"

A Gualdo Tadino la più classica delle "visite parenti" tanto care al ciclismo (soprattutto di un tempo) spetta a Manuel Codignoni, lanciato da Dotto per la prima volta in moto..
"..Linea al nostro collega esordiente in motocicletta Manuel Codignoni, che arriva sulle strade di casa qui nella sua natia Gualdo Tadino..!"

Simon Yates continua a stupire tappa dopo tappa, e per Dotto è fin qui il vero "cavaliere" del Giro..
"..Maglia rosa senza macchia e senza paura..!"

Risalendo ulteriormente la Penisola ecco la carovana giungere in Emilia-Romagna. Cesena terra di personaggi illustri (di vari ambiti..), come ricorda Dotto..
"..Di Cesena è la nostra regista Ombretta Conti, ma anche due papi, Pio VI e Pio VII.."
Si transita vicino al Rubicone e Manuel Codignoni scorge dalla moto presenze a dir poco inattese.....
"..Abbiamo visto uno striscione a bordo strada, 'Giulio Cesare saluta il Giro'..!... Alea iacta est..!"
Pioggia battente sul traguardo di Imola, e Dotto in postazione corre ai ripari..
"..Fa freddo, abbiamo due maglie iridate per riscaldarci, Vittorio Adorni e Maurizio Fondriest..!..."
Le evoluzioni della tappa si sposano con le abitudini personali di uno degli ospiti...
"..Vittorio Adorni, questo è un ventaglio bello e buono, tu il ventaglio lo usi al Teatro Regio di Parma, dove hai un posto in prima fila.."
Gli impegni di Adorni per la giornata sono altri, nel frattempo..
"..Vittorio Adorni, devi andare sul palco premiazioni, non per baciare le miss ma per premiare il vincitore.."
Adorni non sembra troppo convinto del ruolo affidatogli, ritenendolo evidentemente troppo circoscritto...
"..Beh, andrei volentieri anche per baciare le miss... vorrebbe dire che sono tornato a diversi anni fa...."

Il giorno dopo Davide Bramati, d.s. della Quick Step, squadra di Elia Viviani, analizza gli errori commessi in corsa il giorno prima..
"..Da quello che ho capito c'è stato un problema di comunicazione.."
Dotto traduce..
"..Erano scariche le pile delle radioline.."
Pile evidentemente prontamente ricaricate, visto che Elia Viviani sfreccerà per primo poco dopo, sul traguardo di Nervesa della Battaglia..


Questa puntata ha raccolto gli spunti della prima metà abbondante di Giro, fino alla 13a tappa di venerdì scorso. Negli ultimi giorni un grave lutto ha colpito Emanuele Dotto, che ha perso la mamma. Da parte di tutta la redazione di Tuttoilcalcioblog le più sentite condoglianze con affetto ad Emanuele ed un abbraccio a tutta la sua famiglia







0 commenti:

TICB Tv

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.