lunedì 12 marzo 2018

Auguri, Mario!

di Roberto Pelucchi per #tuttoilcalcioblog


Oggi 12 marzo compie 80 anni Mario Giobbe, una delle mitiche voci della radio. Grazie a lui, nel dicembre 1976, gli italiani poterono vivere le emozioni del trionfo azzurro nella Coppa Davis di tennis. Le polemiche politiche che precedettero la finale di Santiago del Cile – Pci, Psi e sinistra Dc spingevano per boicottare l’avvenimento per protestare contro il regime di Pinochet – divisero anche la Rai. Il Tg2 diretto da Andrea Barbato, che avrebbe dovuto gestire le telecronache degli incontri, si rifiutò di farlo, così il compito fu assolto dal democristiano Tg1, che assicurò soltanto differite e non mandò giornalisti in Cile (Guido Oddo e Giampiero Galeazzi commentarono “dal tubo”, come si dice in gergo). Il Gr2 di Gustavo Selva, invece, mandò due inviati: Giuseppe Chisari si occupò della parte politica e Mario Giobbe, appunto, di quella prettamente sportiva.

Figlio d'arte (il papà Mirko fu direttore della Nazione durante la Repubblica di Salò), Giobbe era entrato in Rai qualche anno anno prima, con il corso del 1968 dal quale uscirono, tra gli altri, anche Bruno Vespa, Paolo Frajese, Angela Buttiglione, Giorgio Martino, Ennio Vitanza. In precedenza aveva avuto esperienze nel cinema pubblicitario con la Recta Film (da una sua intuizione nacque il celebre spot del formaggino Otto). Giobbe, all’epoca legato sentimentalmente all’annunciatrice Roberta Giusti, restò per oltre tre anni nella sede di Genova, dove seguì non soltanto lo sport, ma anche importanti fatti di cronaca (l’uccisione di Milena Sutter, il naufragio della London Valour, l’alluvione del 1970, il sequestro di Sergio Gadolla). Per l’ultima puntata del 1972 ereditò il microfono di Domenica Sport, trasmissione che condusse fino al 1987.

Negli anni 70 gli venne assegnato anche l’incarico di seguire il tennis, sport lasciato libero da Luca Liguori. Così Giobbe ebbe la fortuna di commentare le vittorie di Adriano Panatta agli Internazionali d’Italia e di Francia, ma soprattutto l’impresa in Coppa Davis con lo stesso Panatta, Barazzutti, Bertolucci, Zugarelli, Pietrangeli capitano non giocatore e Belardinelli direttore tecnico. Sorretto da una voce molto bella, Giobbe aveva anche tempi perfetti, soprattutto in uno sport che non si prestava al racconto radiofonico. Proprio per ovviare a questo problema, in Cile riuscì a ottenere l’autorizzazione a utilizzare l’ex tennista Lea Pericoli come seconda voce, la prima “seconda voce” femminile. Da quell’esperienza nacque anche un vinile da collezione: “Le mani sulla Davis” (da ricordare anche i dischi sugli scudetti della Roma, nell’83, e del Verona, nell’85, in coppia con Enrico Ameri).

Giobbe è stato anche uno dei pochi a fare divulgazione sportiva alla radio con programmi indimenticabili come Mille Goal, Giorni di gloria, Superazzurri, Da Olimpia a Seul, Italia Italia Italia. Fu lui nel 1988, da capo del pool sportivo radiofonico, a far esordire in Tutto il calcio minuto per minuto la prima donna, Nicoletta Grifoni, e fu sempre lui nel 1990 a unificare i primi e secondi tempi delle partite in un’unica trasmissione. Alcuni dei migliori radio-telecronisti della Rai di oggi sono cresciuti sotto la sua ala e con i suoi consigli e gli sono riconoscenti. Come tutti noi che amiamo la radio. Buon compleanno, Mario.

0 commenti:

TICB Tv

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.