sabato 29 aprile 2017

Aleatti all'improvviso SPECIALE: 40 Giri d'Italia alla Radio - 1a Parte

#tuttoilcalcioblog



di Alessandro Atti

Quella che inizia il 5 maggio, inutile dirlo, è l'edizione numero cento del Giro d’Italia.
Per l’occasione mi sono divertito a ricostruire le squadre che per Radio Rai hanno seguito, nel corso degli ultimi 40 anni, le vicende della corsa rosa.
La riforma del 1976 con la suddivisione delle testate e la concorrenza interna sia radiofonica che televisiva portò al ritorno alla diretta televisiva del Giro d’Italia che nei tre anni precedenti fu seguito dalla tv solo con sintesi di mezz’ora trasmesse alle 19.
Il 1976 vede l’arrivo al Giro d’Italia della matricola Alfredo Provenzali che si affianca ai veterani Claudio Ferretti e Giacomo Santini.
L’anno successivo ai tre si aggiunge Rino Icardi anche se si tratta di un ritorno essendo Icardi già stato nella squadra del Giro d’Italia negli anni precedenti quando la radio era l’unica, come spiegato spora, a trasmettere in diretta.
Saltiamo al 1980 quando vince il campione francese Bernard Hinault grazie a una grande impresa sul Passo dello Stelvio.
Nella squadra di cronisti esce Rino Icardi, entra Enzo Foglianese che seguirà il Giro sino all'84 con l’incarico più che altro di curare gli speciali mattutini.
In quegli anni Radio1 seguiva in modo capillare il Giro con uno spazio mattutino alla partenza della corsa.
Oltre alla classica postazione del palco e alla motocicletta c ‘era anche lo studio mobile.
Ascoltiamo quanto racconta Claudio Ferretti in occasione della morte di Alfredo Provenzali
 
(da 0.50)

Provenzali ha sempre seguito il Giro dalla moto tranne gli ultimi due anni.
A proposito dell’importanza della motocicletta nel racconto del giro ascoltiamo questo intervento tratto dal Baobab del 4 maggio 2011 di Giovanni Scaramuzzino, Roberto Collini (per anni responsabile della squadra di Radio Rai al Giro) e Mauro Agrati (decano dei motociclisti al seguito del Giro)
http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-3c0e6e5c-0132-45db-af73-85348c485004.html

Nel 1983 troviamo per la prima e unica volta al Giro Sergio Giubilo (responsabile sport del Gr1) che curava la rubrica mattutina che seguiva la partenza della tappa.
A metà anni '80, quando Santini passò in tv, il suo posto fu preso da Luigi Coppola cui si aggiunse nel 1987 Giampiero Bellardi.
Nel 1989 Ferretti si trasferì al Tg3 e arrivò Roberto Collini che seguiva il traguardo e faceva da Moto 2 mentre sulla radiomobile troviamo Enrico Ameri che torna al Giro dopo una ventina di anni. Tra radio e tv Ameri è secondo solo a De Zan per numero di Giri raccontati.
Negli anni seguenti Provenzali e Collini rimangono soli a raccontare il Giro, il primo dal palco, il secondo in moto. Sono loro le voci della vittoria di Bugno (maglia rosa dal primo all’ultimo giorno), Chioccioli e del primo dei due successi di Indurain.
Ascoltiamo questi servizi di Alfredo Provenzali e Roberto Collini sulle tre tappe fondamentali di quel Giro


A settembre '92 Provenzali eredita da De Luca la conduzione di Tutto il Calcio e, dovendo scegliere tra nuoto e ciclismo, sceglie il primo.
Inoltre la Rai si fa scippare da Mediaset il Giro d’Italia, ma questo fa sì che Radio Rai investa ancor più nel Giro.
Nei cinque anni in cui i diritti sono di Mediaset gli inviati di Radio Rai sono Roberto Collini (dal palco) con Giulio Delfino (entrato in Rai da appena due anni) oltre a un giornalista della sede Rai di Firenze di cui avremmo sentito parlare anche in futuro per quel che riguarda le due ruote; Francesco Pancani.
Nel '96 Antonello Orlando diede il cambio a Giulio Delfino sulla seconda moto sempre con Collini e Pancani.
Nel 1997 Ivan Gotti torna a far vincere un italiano dopo cinque edizioni.
Come ho già detto in questi ultimi cinque anni il Giro d’Italia non fu televisivamente coperto dalla Rai ma questo non impedì a Radio Rai di coprirlo in modo ottimale coinvolgendo anche la redazione musicale.
Qui si conclude la prima parte del mio percorso. la seconda uscirà il 5 maggio in coincidenza con la partenza del Giro numero Cento.



Anno      Cronisti

1976        Ferretti   Santini   Provenzali
1977        Ferretti   Santini   Provenzali   Icardi
1978        Ferretti   Santini   Provenzali   Icardi
1979        Ferretti   Santini   Provenzali   Icardi
1980        Ferretti   Santini   Provenzali   Foglianese
1981        Ferretti   Santini   Provenzali   Foglianese
1982        Ferretti   Santini   Provenzali   Foglianese
1983        Ferretti   Santini   Provenzali   Foglianese   Giubilo
1984        Ferretti   Santini   Provenzali   Foglianese
1985        Ferretti   Provenzali   Foglianese   Coppola
1986        Ferretti   Provenzali   Santini   Coppola
1987        Ferretti   Provenzali   Coppola   Bellardi
1988        Provenzali   Coppola   Bellardi
1989        Ameri   Provenzali   Collini
1990        Provenzali   Collini
1991        Provenzali   Collini
1992        Provenzali   Collini
1993        Collini   Delfino   Pancani   Loretto Petrucci
1994        Collini   Delfino   Pancani   Loretto Petrucci
1995        Collini   Delfino   Pancani   Loretto Petrucci
1996        Collini   Pancani   Orlando
1997        Collini   Pancani   Orlando





0 commenti:

TICB Tv

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.