#TICBLIVE

giovedì 12 gennaio 2017

Approfondimento TiCB - Perchè il Segnale Orario è ancora in onda su Radio 1

#tuttoilcalcioblog



di Stefano Stradotto

A dispetto di quanto annunciato da tutti gli organi di stampa nelle ultime settimane del 2016, gli ascoltatori di Radio Rai continuano ad ascoltare lungo tutto il corso della giornata l'inconfondibile trillo seguito dall'annuncio dell'ora, insomma lo storico segnale orario.
Anche noi ci eravamo occupati della questione in questo post  del 31 dicembre scorso, approfittandone anche per un po' di amarcord vista la storicità dell'evento che sembrava essere alle porte. Invece, arrivato il 1° Gennaio ed iniziato il 2017, tutto è sembrato proseguire come se niente fosse, e se l'annuncio del pensionamento del segnale orario era stato come detto ripreso da tutti gli organi di stampa, nessuno di questi si è occupato nei giorni seguenti di spiegare il perchè, nei fatti, questo non sia accaduto.
Dopo le informazioni raccolte in questi giorni, in particolare grazie al lavoro dei professionisti dell'Osservatorio della radiofonia Internazionale in Lingua Italiana, siamo in grado di dirvi che la spiegazione al "mistero" sul quale si saranno trovati a riflettere gli appassionati è piuttosto semplice: è in effetti vero che il rapporto tra Rai ed INRIM (Istituto Nazionale Ricerca Metrologica) di Torino si è interrotto alla mezzanotte del 31 Dicembre, ma da quel momento la Rai ha iniziato a generare l'informazione oraria dal proprio orologio negli studi di Via Asiago a Roma. Dopo decenni di collaborazione con l'istituto torinese si è dunque passati ad un segnale orario fatto in casa, e circoscritto alla sola radio, visto che in tv è davvero sparito definitivamente.
Il segnale orario televisivo, per la verità già in disuso prima dell'interruzione del rapporto Rai-INRIM, era infatti l'unico davvero soggetto alle bizze ed ai ritardi del digitale, motivazione data dalla Rai per questa scelta, mentre per la radiofonia, almeno al momento, il problema non si pone. Ecco che dunque a viale Mazzini si è pensato di non privare la radio di una suo marchio di fabbrica ormai proverbiale, auto-generando questo nuovo segnale orario 2.0, se così possiamo definirlo.
Il suono dei "trilli" ormai leggendari che siamo stati abituati ad ascoltare era in realtà anch'esso generato dall'INRIM e coincideva con la ricezione delle informazioni di giorno, mese, anno ed orario; la Rai dunque lo sta probabilmente utilizzando come "colonna sonora" storica senza però che sia effettivamente funzionale alla ricezione stessa del segnale.
Una vicenda insomma abbastanza singolare, per la quale sempre i professionisti dell'Osservatorio ItalRadio paventano anche motivazioni sottotraccia, come quella che ipotizza motivi economici alla base della sospensione della collaborazione tra Rai ed INRIM, con la Rai non più disposta a sobbarcarsi oneri per la ricezione del segnale orario preferendo così affidarsi ad un segnale casalingo (ipotesi questa ancora da dimostrare).
Resta il dubbio sull'accuratezza del nuovo segnale orario, visto che le modalità precise non sono ancora ben note; per gli appassionati radioascoltatori, nel frattempo, la soddisfazione di non aver perso uno dei momenti che più contraddistinguono la storia della radiofonia Rai.


0 commenti:

TICB Tv

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.