venerdì 20 marzo 2015

Il Mondo di Tarcisio Mazzeo

#tuttoilcalcioblog
di Marco D'Alessandro - Non è stato possibile rimanere insensibili di fronte a quel minuto che mai e poi mai, avevamo preventivato dopo un dimenticabile zeroazero tra Atalanta e Udinese. Non lo sapevamo, è stata una sorpresa. Come interpretare il ruolo dei portieri che si ritrovavano di fronte a Maradona per l'esecuzione di un calcio di rigore: spiazzati. Non ce n'eravamo accorti, perchè Tarcisio Mazzeo è stata una costante certezza di presenza sul pezzo. Così come la certezza avuta dopo aver ringraziato "il Mondo di Tutto il calcio minuto per minuto", ovvero la sensazione che ci mancherà moltissimo e che è stato un privilegio aver avuto a che fare con lui. La certezza di quello che però abbiamo sempre pensato: un giornalista come Tarcisio è stato un regalo agli appassionati del pallone e dei calci e ora potrà coronare il più che mai legittimo salto di qualità nella sua carriera, già luminosa, di cronista atuttotondo. La cronaca ce l'ha concesso gentilmente anche per tanti anni, non ci possiamo lamentare. Dirigerà, come merita, la sede giornalistica della TGR della Liguria. Abbiamo avuto modo di constatare la sua bravura nel riuscire ad analizzare il gioco del calcio con la leggerezza, la bontà e l'ironia d'altritempi, senza mai entrare sul pallone per staccare una gamba all'avversario, ma affondando un tackle di classe soffiandogli la sfera. Una pedina decisamente azzeccata della gestione di Riccardo Cucchi che lo ha valorizzato. Si potrebbe definire un perfetto uomo-spogliatoio, per come è riuscito a fare coppia con tutte le altre prime voci delle radiocronache. Aggiungi un posto a tavola, che c'è un amico in più. Per i radiocronisti e, anche se non si dovrebbe dire, anche per noi. Tarcisio è stato il primo interlocutore illustre di tuttoilcalcioblog. Un amico generoso che ci ha sempre seguito, ci ha fornito consigli, ci ha concesso più d'un intervista, sapeva di trovarci quando voleva riascoltarsi qui da noi, "segugi terribili". Ma noi non lo ringraziamo per questo. Anche per tanti ricordi sparsi, quà e là.

Il saluto da galantuomo alle ascoltatrici prima ancora che agli ascoltatori; l'accento ligure che camuffa un profondissimo legame con la sua beneventana Campolattaro che gli diede i natali; il bordocampo quando ancora i maledettissimi diritti ci consentivano ascoltare il profumo dell'erba; il prato del Ferraris di Genova; i fumogeni e le coreografie del derby della Lanterna ma anche della Madonnina; la coppia con Emanuele Dotto durata per quasi venti anni e che ci viene difficile entrare nell'ordine di idee di non poterne più godere l'ascolto; l'Inferno e il Paradiso che hanno vissuto Genoa e Sampdoria; i campi del nord; l'Inter di Josè Mourinho radiocronizzata più da vicino rispetto a tutti; le interviste in serenità, senza mai un'ovvietà o il bisogno della domanda trash per fare la notizia, alla fine strappata lo stesso; i frombolieri; le metafore; i gol fooormidabili; la Coppa del Mondo in Sudafrica e l'unica sconfitta dell'epopea spagnola euromondiale, contro la Svizzera, oppure i 120 minuti integrali di Ghana-Stati Uniti; la Champions League con capitan Riccardo Cucchi, Milan-Barcellona e "palla al sindaco", Juventus-Real Madrid, Inter-Chelsea; la storia del concittadino Loris Damonte, arenzanese, per cui il destino gli fece annunciare un gol, il primo assoluto in B, contro la Sampdoria a Marassi; le cabine di Gabriele Majo in cui ci faceva entrare tutti assieme al Ferraris e ci "regalava" gli appunti che custodiva in quadernino e quadernetto; la motocronaca ad attraversare il Giro d'Italia e a regalarci cartoline per ogni tappa, come la salita dello Zoncolan o come le epiche imprese di Vincenzo Nibali nella neve, con la sua voce che scoppiava di adrenalina e passione; la lacrime di dolore per Wouter Weylandt e quella tappa di Livorno del giorno dopo che diventò un commovente tributo: 108 presente; i servizi per Sportlandia; l'umiliazione di Genoa-Siena e il concetto di normalità che si rovesciava; i reportage dall'Africa per il Tgr Mediterraneo; il Picco a La Spezia; la sostituzione improvvisa in uno Juventus-Roma partitissima per lo scudetto; il battesimo di Paul Pogba a 19 anni di talento assoluto, con il pubblico che gli grida quattro lettere: t-i-r-a; il grande rimpianto di non averlo mai potuto ascoltare in una radiocronaca del suo Pugilato....


E potremmo ancora andare avanti con i flash e i ricordi, scusando per le sicure dimenticanze. Ci ha arricchito da ascoltatori e da interlocutori. Gli rivolgiamo il più vigoroso degli in bocca al lupo per il nuovo prestigioso incarico e le più sentite felicitazioni per un lieto evento: da pochi giorni è diventato Nonno. Ti salutiamo tirando fuori dallo scrigno dei ricordi, un tuo messaggio che ci rivolgesti dopo una nostra recensione del Mondiale 2010, per cui ci complimentammo: 'grazie' è una parola bellissima, quando è detta nella sua pienezza. E così te la dico.

0 commenti:

TICB Tv

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.