sabato 13 dicembre 2014

Tutto il calcio bloB 2014-15 (13)

#tuttoilcalcioblog

di Stefano Stradotto

Eccoci anche questo sabato all'appuntamento con il blob settimanale; sarà un sabato caotico? Quello delle settimana scorsa si potrebbe senz'altro definire così, tra scambi di persona e di... squadre.. Puntata di B, Umberto Avallone interviene su Catania:
"Scusa Lopez..!..."
Al momento di restituire la linea, la risposta di "Lopez" sorprende tutti..
"...sì.... Sono Pandolfini, per la verità...."
Poco dopo ecco Fabrizio Cappella, inviato per Avellino-Crotone, c'è un gol..!...
"..Il vantaggio del Lanciano..!"
Capita.. Si è trattato in ogni caso di un pomeriggio particolare, che probabilmente il grande Sandro Ciotti avrebbe commentato con qualcosa di molto simile al suo storico "Cerchiamo di capire chi siamo perchè sennò andiamo male.."

Accantonato il sabato confusionario passiamo alla domenica; la confusione quest'anno è purtroppo sempre più spesso in campo, con maglie e tenute che poco hanno a che fare con la tradizione e la storia delle società che le indossano.... Leader di questo malcostume è senz'altro il Napoli, che ha ormai quasi completamente accantonato la storica e splendida divisa azzura.. Gli dei del calcio però a volte intervengono opprtunamente, ed assegnano alla squadra di Benitez un destino in "tinta" con i nuovi colori scelti... Giovanni Scaramuzzino lo sottolinea giustamente..
"..Per il Napoli completo blu, potremmo dire blu notte, tenuto conto di come sta andando la partita....."
Avendo contro gli dei, qualcuno cerca almeno di ingraziarsi un altro protagonista, comunque di indubbia importanza...
"..Il giocatore del Napoli cerca di farsi amico il pallone..."
E a proposito di dei del pallone, Giovanni, forse influenzato dal clima mistico-calcistico che si è venuto a creare, scomoda con nostalgia chi nell'Olimpo del calcio italiano è presente di diritto..
"..La staffetta tra Pucciarelli e Verdi ricorda un po' quella tra Mazzola e Rivera...
Nonostante il pomeriggio all'insegna delle grandi firme, c'è chi resta vittima della noia e si dedica ad attività di svago, il cui miglior cantore non può che essere Gianfranco Coppola..
"..Zielinski lancia una palla sprecandola così, come si lancia una pietra nel mare quando non si sa cosa fare...."
E' quasi Natale, ma a casa Coppola ci sono ancora in circolazione "presenze" tipicamente estive..
"..Laxalt è una zanzara fastidiosa..."
Ma la vena poetica di Gianfranco torna prepotentemente a suggellare nel migliore dei modi il pomeriggio partenopeo..
"..Il resto è tutto il racconto di un pezzo di vita, quale è appunto una partita..."

Ci spostiamo nel cuore della domenica pomeriggio; lo facciamo in treno, assieme ad Emanuele Dotto..:
"..Lodi è lento, lentissimo, come una vecchia locomotiva..."

Filippo Corsini, invece, è già proiettato alla settimana di coppa...
"..Per Juventus-Atletico l'arbitro sarà lo scozzese William Collum, sapore di whisky, vagamente..."

Beviamoci sopra ed abbandoniamo il calcio per riabbracciare, finalmente, una puntata di Palasport; la desuetudine alla messa in onda gioca però brutti scherzi, che si traducono in problemi di audio.. Paolo Zauli cerca di rimediare avvertendo Massimo Barchiesi..
"..Massimo, ti sentiamo veramente bassissimo... Forse qualche levetta del volume..."
Barchiesi si mette subito al lavoro..:
"Ecco, così sono al massimo..!"
Zauli nonostante gli intoppi è in vena di battute....
"..Ecco, perfetto così.. Massimo sei al massimo!"

I problemi di collegamento proseguono comunque anche con il ritorno al calcio, in vista del posticipo Inter-Udinese.. A quanto pare in soccorso arrivano a volte anche i cognomi degli inviati in questione.. Massimo va al massimo, Giuseppe Bisantis si salva perchè, cognome alla mano, qualche Santo in Paradiso dovrebbe comunque averlo...nulla da fare invece per Umberto Avallone.. E Zauli infierisce..
"..La tua voce Giuseppe è perfetta, assolutamente..!... Quella di Umberto invece è un po' nasale, per usare un eufemismo..."

La partita di San Siro, tuttavia, inizia.. Parlavamo in precedenza del malcostume legato alle orribili divise che molte squadre quest'anno ci stanno propinando.. Ebbene, nella serata del Meazza la parte sana del calcio, una volta tanto, sembrano essere gli arbitri..
"..Visto che all'Inter quest'anno questo nerazzuro non ce lo vogliono regalare, stasera lo indossano gli arbitri.."
Bisantis torna alla carica poco dopo, mentre Avallone sta raccontando dell'accoglienza riservata a Stankovic dalla sua ex squadra..
"..La maglia numero 5 che Stankovic ha sempre indossato..."  Giuseppe si inserisce..: "...ed era la maglia a strisce verticali nerazzurre... Sarò stucchevole, ma la maglia dell'Inter è quella..."
La serata adotta a questo punto il tema delle trasformazioni come filo conduttore... Non solo le maglie, ma anche episodi decisamente più preoccupanti..
"..L'attaccante quando è lì diventa una specie di cane da tartufo..", attacca Bisantis..
Avallone rilancia..:
"..Potremmo ribattezzare questa partita dell'Inter con un titolo: Lo strano caso del dr. Jekyll e di mr. Hyde..."

Usciamo per una volta dal calcio, restando comunque su Radio 1, per soffermarci sulla puntata de "La radio ne parla" di lunedì 8 dicembre, condotta da Ilaria Sotis. Si parla del preoccupante fenomeno, in crescita, dei ragazzi che non concludono la scuola.. La redazione, per trattare con ancor più precisione il tema, sembra essersi dotata in conduzione di una rappresentante diretta del fenomeno..
"..Cosa si può fare per impedire che vadino via?"

Noi ce ne andiamo a Cagliari, per il posticipo Cagliari-Chievo. Barchiesi tenta l'impossibile: decifrare la non-espressione di Zdenek Zeman...
"..Zemani sarà disperato.... Immaginiamo almeno, perchè come al solito non lascia trasparire nulla...."

In serata al Bentegodi ritroviamo a 24 ore di distanza la coppia Bisantis-Avallone. Dopo un simile tour de force Bisantis cerca di distrarsi con un po' di musica e con i ricordi che ne scaturiscono....
"..L'altoparlante ha trasmesso nell'intervallo la canzone di Michael Jackson e Justin Timberlake che è stata la colonna sonora dell'estate 2014, insomma, ci ricorda climi estivi, invece stasera la serata è fredda, temperatura invernale.."
Durante il secondo tempo momento mistico, Bisantis quasi rapito, commosso..
"..Gabbiadini è inginocchiato, non so se sta pregando.."
Un cinico Avallone rovina tutto..
"No, si sta allacciando uno scarpino..."

E l'indomani sera ecco la Champions, con la decisiva sfida tra Juventus ed Atletico; Francesco Marino, arrivato allo stadio in un momento di pausa durante il suo trasloco, fornisce un'indicazione tattica fatalmente condizionata dalle sue vicende private..
"..Le due squadre ormai si conoscono come il mobilio di casa propria..."
E' una partita molto attesa quella raccontata da Francesco Repice: allo stadio anche vecchie glorie del calcio di qualche anno fa...
"..Ecco servito Thuram.."
"..Palla sul settore di Sinisa.."

Dopo l'eliminazione della Roma si arriva al giovedì di Europa League; Emanuele Dotto è inviato a Baku per la trasferta, in verità ininfluente, dell'Inter contro il Qarabag.. Sulle note di "Tre somari e tre briganti" di Domenico Modugno ("siamo rimasti in tre...") Dotto annota..:
"...Solo altri due giornalisti italiani al seguito dell'Inter, Andrea Sorrentino di Repubblica e Matteo Dalla Vite de La Gazzetta dello Sport...."
Nonostante tutto, Dotto e gli altri superstiti pensano di cucinare qualcosa..:
"..Frittate a Copenaghen, uova a Baku.."

In serata spazio a Fiorentina-Dinamo Minsk.. Affiatamento totale tra gli inviati e chi è in studio: Bisantis, udito un fruscio, cede la parola a Maurizio Ruggeri, che sentitamente ringrazia..:
"..Grazie, grazie Bisantis per la tua perspicacia...!"
Un'intesa, quella tra i due, tutt'altro che ad intermittenza.. A differenza, secondo Ruggeri, del rendimento ad esempio del Napoli..
"..Il Napoli si accende e si spegne come le frecce..."

Si spegne qui anche la nostra rubrica, ma naturalmente solo fino alla prossima settimana!

0 commenti:

TICB Tv

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.