#TICBLIVE

mercoledì 3 settembre 2014

Riflessioni Azzurre 2014-2016 Episodio 01 - Conte, l'uomo giusto

#tuttoilcalcioblog


L'ItalConte, tra poco più di ventiquattro ore, scenderà in campo contro l'Olanda per il suo primo test. Un amichevole importante, contro una Nazionale che negli ultimi otto anni ha ottenuto risultati migliori dei nostri. La macchina orange pare non smettere mai di sfornare talenti: pochi, anzi pochissimi i buchi nell'acqua dal 1974 in avanti (forse solo negli anni '80 un po' di sofferenza), una scuola che meriterebbe molto di più che un misero europeo vinto.

L'Olanda sarebbe quell'esempio da provare a ricalcare, se non fosse che nella stanza dei bottoni del calcio si pensa più alla poltrona che non al progresso del nostro sport Nazionale. Niente squadre “B”, volti che restano sempre gli stessi e sempre dai capelli bianchi e pratiche burocratiche infinite per degli stadi nuovi di zecca. La Nazionale Italiana di oggi è lo specchio di un calcio rattoppato e invecchiato, e la scelta di Conte (non me ne vogliano i tifosi juventini arrabbiati con lui) era quasi obbligata: Antonio, leccese doc, è quello di cui questa rappresentativa oggi ha bisogno. Un tecnico sagace che, nei tre anni juventini, ha saputo invertire una tendenza al ribasso sempre più pericolosa, potendo contare solo nell'ultima stagione su affermati top players in attacco come Tevez. Ha preso una squadra diventata la barzelletta d'Italia con l'obiettivo di farla diventare, di nuovo, come la più antipatica e odiata dello Stivale, isole comprese. E c'è riuscito in pieno, scalando montagne solo apparentemente semplici e portando la formazione bianconera a raggiungere traguardi con punteggi addirittura al di sopra, molto al di sopra, delle loro stesse possibilità: i 102 punti dell'anno scorso sono l'esempio più lampante di questa epopea contiana che non poteva mai essere migliorata, manchevole però di un affermazione a livello europeo, nemmeno sfiorata nemmeno nell'Europa League che prevedeva la finale casalinga.

Insomma: tra Conte e Prandelli, come curriculum, di base c'è già un abisso (quest'ultimo si presentava all'azzurro forte solo di qualche bella partita con Parma e Fiorentina). Anche caratterialmente sono due persone completamente diverse: il mestiere di Prandelli è quello di “uomo immagine”, uno che negli anni ha teso spesso ad apparire più che ad essere, salvo poi far trapelare, con le sue scelte, lati caratteriali tipici di ben altra persona rispetto a quella “casa e chiesa” che tendeva a far trapelare. Uno che si è sempre nascosto dietro ad un immagine di presunta, molto presunta, religiosità. Ne è derivato un quadriennio in cui i pretismi, le prediche, le belle parole (spesso smentite dai fatti) e i codici (pat)etici hanno prevalso di gran lunga sui risultati, tranne per quel brevissimo periodo dell'Europeo. Conte, al contrario, è un cattivo. Un duro. Uno che in conferenza non le manda a dire e che, negli anni, è riuscito nell'impresa di essere più antipatico di Mourihno, salvo perdersi in qualche scivolone europeo dove si è pericolosamente specchiato in Mazzarri. La nostra speranza è che in azzurro prevalga il Conte del campionato. Uno che, parafrasando Gianfranco Funari, te lo dice in faccia se sei stronzo, senza illuderti e senza nascondersi dietro ai suddetti codici (pat)etici. Un pregio che nasconde qualche difetto, però, quando va fuori di testa. Ed è lì che rischia di farsi nemici illustri: è successo con la Juventus, con la sua fuga oggettivamente sbagliata nei tempi, oppure in storiche diatribe con Capello a marzo o ai tempi dell'Arezzo; è successo a Bari anche, che il lato negativo della sua grinta lo strappasse dal cuore dei tifosi con un'altra fuga oggettivamente snervante, sempre per motivi di mercato. E' una persona che, nei momenti di rabbia, è capace di mettere pericolosamente in discussione un ottimo lavoro con parole gettate al microfono senza pensarle prima, oppure con gesti improvvisi e sconvolgenti come le fughe da Torino e da Bari. E' quindi necessario che il sistema Italia funzioni intorno a lui (ma funzionerà?) in maniera accettabile, perché l'esperienza possa proseguire anche oltre l'Europeo, senza particolari scossoni.


Questo è Conte. L'uomo e il tecnico sono una cosa sola: un duro. Questo è quello di cui la Nazionale ha bisogno, non di improbabili e ambigui preti di campagna. Si può provare simpatia o antipatia per il tecnico pugliese e per le sue conferenze stampe quasi mai banali e fucina di tormentoni, ma guai a mettere in discussione le sue immense qualità tecniche. Ma guai (e in questo caso mi rivolgo a qualche media servo presente in Italia) a paragonarlo a mostri sacri come Mourihno e Lippi, però: rispetto a loro, Conte è ancora uno studente in erba. Sicuramente il più bravo, ma l'università del calcio internazionale finora lo ha trovato costantemente impreparato, al di là delle mancanze della rosa bianconera, non proprio ampia. Anche nel rapporto di Conte con il calcio fuori dai nostri confini, serve un'inversione di tendenza. Come quella che serve alla Nazionale, come quella che serviva alla Juventus nel 2011 e al Bari nel 2008. Inversione che Conte seppe dare alla grandissima. Si parte proprio da qui, da Bari. Per tornare grandi con il restauratore Conte, al terzo esame di calcio internazionale. Il più duro. E un duro come lui, vedrete, lo supererà. Che il San Nicola, dove la carriera di Conte ebbe la sua prima determinante spinta, sia di buon auspicio. Auguri a Conte, alla Nazionale e a noi, per ritrovare quel pizzico d'identità e unità nazionale che una volta esisteva in toto, poi solo per gli azzurri e, da un po', neanche per quello.

Mario Aiello




-->

0 commenti:

TICB Tv

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.