venerdì 29 agosto 2014

27 Aprile 1975: quella parolaccia di Enrico Ameri verso Sandro Ciotti. Finalmente da riascoltare..

#tuttoilcalcioblog
di Marco D'Alessandro - Dopo 39 anni riemerge una chicca che ha scritto una delle infinite storie di Minuto per Minuto. E per questo dobbiamo caldamente ringraziare la Webradio WR6, della famiglia di Radio Rai. Dobbiamo ringraziare, prima di tutto, per il grande regalo di ritrasmettere per due volte a settimana, le puntate d'epoca di Tutto il calcio. Ci offrono la deliziosa opportunità di poter riascoltare la radiocronaca di altri tempi di un calcio di altri tempi, dall'1 all'11, tutto domenicale, tutto in contemporanea, tutto italiano. Bettega, Facchetti, Riva, Rivera, Furino, Pulici, Chinaglia, Altafini. Col retrogusto dello Stock 84. I soli secondi tempi. Consigliato caldamente per chi volesse approfondire la leggenda della trasmissione più bella del mondo, ma anche del nostro campionato e di partite indimenticabili. E' una goduria per l'appassionato di pallone affamato di studiare la storia, ad esempio, poter riascoltare il ritmo irrefrenabile di Enrico Ameri che racconta i derby della Mole anni '70, quando Juventus e Torino dividevano il Paese. Capello per Furino, Zaccarelli per Sala. E ci si accorge come sia evoluto il linguaggio del racconto calcistico. Non per forza in positivo, anzi. Tanto per dire, nessuno potrà mai riuscire a scrivere libri parlando a braccio, attraverso un microfono, come Sandro Ciotti.
La meravigliosa operazione nostalgia, questa settimana, è giunta alla Domenica del 27 Aprile 1975.
Il campo principale è il Comunale di Torino dove si disputa l'importante scontro in chiave scudetto tra la Juventus capolista e la Lazio campione uscente. Enrico Ameri è lì, quando il campionato vive la sua quart'ultima giornata e le inseguitrici, tra le quali il Napoli, attendono un passo falso degli uomini di Carlo Parola. La Juve inizia la ripresa in vantaggio per 1-0. Al San Paolo di Napoli, invece, il Sole è tale da far meritare gite a Capri e il campo è in condizioni tanto buone da escludere la possibilità di prendersela col fondo per chi calcia male, dice Sandro Ciotti. Una doppietta di Clerici consente agli azzurri di Vinicio di condurre per 2-0 sull'Inter, che però accorcia con Mariani. Ciotti deve interrompere Ameri per segnalare il secondo gol del Napoli. E dovrà intervenire ancora, dieci minuti dopo. Scusa Ameri, sono destinato ad interromperti. Non l'avesse mai fatto. Enrico conclude la descrizione di un'azione della Lazio in fretta e furia e ripassa la palla a Fuorigrotta. Il potenziometro del microfono a Torino non è chiuso. Ed il resto, è storia. Storia chiacchierata e probabilmente mai riascoltata in quasi quattro decenni. E' l'apice del dualismo tra Ameri e Ciotti. Forse il più clamoroso fuori programma in cinque decenni di dirette Tuttoilcalciominutoperminuto. Cinque anni fa, grazie al lavoro di Roberto Pelucchi, vi proponemmo un articolo d'epoca di Elio Domeniconi che potete rileggere cliccando qui. Nel 1993, Ameri e Ciotti ne parlarono da ospiti televisivi del salotto di Claudio Ferretti a "E' quasi gol", su Rai Tre.
Ora, con tanti ringraziamenti alla Web Radio e ai suoi preziosissimi sbobinamenti, tutti possiamo finalmente ascoltare un episodio che non abbiamo vissuto per l'età o che era difficile intuire con una radiolina a transistor, in presa diretta. Riascoltiamo e notiamo come Ciotti, in realtà, non intervenne per un gol di una partita già chiusa: falso storico. Notiamo la voce piuttosto irritata di Ameri che non vedeva l'ora di liberare l'insulto e di cavarsela con imbarazzo quando Bortoluzzi gli fa notare che, ohibò, era in onda. Notiamo anche la compostezza di Ciotti che però si ammutolisce per un secondo dopo un istintivo "eh!" al sentire della parolaccia e riprende parola con un lapsus sul minuto di gioco. Abbiamo selezionato e isolato quei momenti e ve li proponiamo.


Per la cronaca, la Juventus vincerà quella partita per 4-0 e Enrico Ameri interromperà per tutti i gol della tripletta di Pietro Anastasi: anche quelli a punteggio ampiamente acquisito in prossimità del 90° minuto. Oggi è la vigilia del calcio d'inizio di un nuovo campionato. Quello con sempre più spezzatino e meno romanticismo. Ma sempre tanta intramontabile Radio. Buon campionato a tutti e anche ad Enrico e Sandro, che magari lassù avranno smesso di bisticciare e staranno attendendo il fischio d'avvio con un'interminabile sfida a scopone scientifico.

0 commenti:

TICB Tv

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.