venerdì 11 luglio 2014

Tutto il Mondiale bloB (06)

#tuttoilcalcioblog

di Stefano Stradotto





Il Mondiale si avvicina ormai alla conclusione, dopo aver mandato in archivio le due semifinali. La vigilia di Brasile-Germania è stata naturalmente contrassegnata dalla grande attesa del popolo brasiliano.. Filippo Corsini ne chiede conto a Maria Gianniti, senza però tenere presenti insormontabili problemi logistici…
“..Maria, com’è la situazione, stanno aumentando i maxi-schermi..?”
“..Beh, in realtà no.. anche perché ce ne sono talmente tanti ovunque che sarebbe impossibile…..”
L’entusiasmo, insomma, pare essere alle stelle.. Tanto più che in formazione Scolari si affiderà anche ad un tocco di…poesia, come sottolinea Emanuele Dotto..:
“..Dante, più che terzino, terzine….”
E gli avversari, i tedeschi? Intanto è bene ricordargli qualche precedente… Dotto approfitta del suo compagno di viaggio..
“..Tardelli, che alla Germania segnò quel gol da urlo di Munch..”
Le scaramucce tra i due, comunque, proseguono anche in questa serata, quella del 7 luglio, vigilia della prima semifinale.. Dotto si inserisce dopo una domanda posta a Tardelli, che sbotta..
“..Ecco Dotto che subito entra come un….”
“….come Tardelli..!” si giustifica candidamente Emanuele
Non manca la quotidiana sponsorizzazione di Tardelli al ruolo di c.t., affidata stavolta a Darwin Pastorin..
“..Vorrei vedere Tardelli c.t. dell’Italia..”
Dotto non manca di svelare quello che alla radio non si vede….
“Tardelli è arrossito…”
Durante la puntata spazio anche a pillole di mercato.. Giuseppe Bisantis, collegato da Rio, è però piuttosto esplicito per quanto riguarda le squadre italiane…
“..Da quello che si è capito, bambole non c’è una lira…”
E’ però un Bisantis meno netto e più prudente (anche troppo…) quello che poco dopo risponde dopo essere stato interpellato da studio…
“..Io non mi sbilancio perché su questi pronostici si rischia sempre di fare le figuracce….”
Dal timoroso Bisantis al salomonico Dotto, che chiude così la pagina dei pronostici…
“..Insomma, se non è zuppa è pan bagnato…”

E allora vediamo subito se si tratta di zuppa o di pan bagnato….
“..La difesa del Brasile è di burro fuso….”
Ecco appunto.. Né zuppa né pan bagnato dunque, la serata del Mineirao è contrassegnata da ben altre pietanze…. Si capisce da subito come la serata sia destinata ad entrare nella storia come la disfatta più clamorosa di sempre, almeno a certi livelli.. Francesco Repice, che sta assistendo dal vivo all’incredibile spettacolo di Belo Horizonte, spiega il tutto con parole che resteranno scolpite nella storia delle radiocronache mondiali..
"..Un ciclone si sta abbattendo sul Brasile, un ciclone chiamato Germania..!"
"Non è un Maracanaço è qualcosa di più, è un dramma sportivo di proporzioni incredibili, è qualcosa che non ci aspettavamo mai di poter raccontare, è un qualcosa che va al di là della storia del pallone, è un qualcosa che evidentemente rimarrà scolpito negli annali di questo meraviglioso sport, il grande Brasile sotto di cinque gol dopo mezz'ora nemmeno, in una semifinale di un Mondiale organizzato in casa.."
Dotto, da studio, prova a lanciare in corsa una proposta che quantomeno metterebbe fine alla “mattanza”, come opportunamente definita poco prima da Filippo Grassia..
“..Nel baseball c’è la manifesta inferiorità….”
L’innovazione regolamentare non troverà però appoggi in Brasile.. Ed allora Emanuele è “costretto” a restituire la linea al collega, per il quale non prova certo invidia..
“..Linea a Francesco Repice che avrà un compito difficile: raccontare il secondo tempo di questa partita….”
Partita d’accordo, ma di quale sport? Repice non sembra essere molto convinto, oramai…
“..Non c’è la Germania in campo, sembra di vedere Boris Becker….”
E lo stadio come reagisce? Una sottolineatura-lapsus di Repice non lascia supporre nulla di buono….
“..Gli steward sono andati a placare con la loro presenza gli animali….”
Dotto prova a consolare in qualche modo i verdeoro: a livello onomastico sono messi meglio..
“..Il Brasile ha come giocatori soltanto bei nomi.. Dante, Ramires, Fred…..”
Quando ormai il match di tennis volge a conclusione, Filippo Corsini ha voglia di fare dello spirito…
“..Marco, possiamo dire che alla Germania è andata bene perché non ha incontrato l’Italia..?”
Tardelli, intimorito da questa uscita, lo asseconda …
“..Scherzando possiamo dirlo…. Perché se ci fossimo stati noi sarebbero stati eliminati…..”
Finita la partita, sancito il “Mineiraço”, è il momento di controllare la situazione in giro per il Brasile.. Dotto passa la parola ad una Maria Gianniti munita di termometro…
“..Andiamo a misurare la temperatura con Maria Gianniti, credo febbre a più di 37…..”

Si volta pagina, anche se difficilmente i brasiliani lo faranno tanto in fretta, per andare alla seconda semifinale, Olanda-Argentina. Nel pre-partita Marco Tardelli sfodera le sue conoscenze circa la Nazionale argentina.. e non solo a livello tecnico… Dotto se ne sorprende..:
“..Chi ti ha insegnato le pronunce perfette alla castigliana..?? Demicelis, Mascerano….”
“..Nessuno…. Le sento ogni tanto in televisione, ma non me le ha insegnate nessuno…..”
“Ah bravo, sei autodidatta..!” chiosa un compiaciuto Dotto
La presentazione tecnico-tattica del match che sta per iniziare prosegue grazie a Filippo Corsini…:
“..Marco, lo sai che c’è un famoso chitarrista brasiliano che si chiama Marcus Tardelli..?”
Tardelli replica con sorpresa alla carrambata di Corsini, che immaginiamo in studio, a questo punto, munito di parrucca bionda…
“..No….!... Sapevo che c’era un calciatore che si chiamava Diego Tardelli, perché il padre era tifoso di Maradona e mio…. Ma questo no…….”
Prova a riportare la trasmissione su binari calcistici un bucolico Paolo Casarin ..
“..Noi parliamo della grinta argentina ma insomma, stasera anche l’Olanda ce l’ha eh…. Non è che De Jong stia lì a pelare margherite….”
Raffaella Corsini è ormai invece completamente calato nel nuovo ruolo e prova il colpaccio anche con il successivo ospite telefonico, un giornalista olandese..
“..Mi sembrava di avere al telefono Van Basten…”
Ed infine ecco la partita, e la radiocronaca di Giuseppe Bisantis da San Paolo.. Tardelli ha ricevuto elogi per le pronunce dei nomi argentini, ma ecco che Bisantis, in avvio di cronaca, spegne subito gli entusiasmi in tal senso..
“..Sentirete questa pronuncia, Demichelis.. In patria lo chiamano Demicelis, ma il cognome è di chiare origini italiane, e come Carlos Bianchi per me è Carlos Bianchi e non Carlos Bianci, così Demichelis resterà Demichelis..”
La vivace dissertazione sulle pronunce resterà, di fatto, il momento più emozionante della serata…. Dotto ha pronto un commento in tema con il periodo..:
“..Partita da poche occasioni, partita da pochi saldi..”
Ma Italo Cucci lo ammonisce, dall’alto della sua conclamata saggezza..
“..Non dobbiamo essere egoisti, perché questo è calcio, quello di ieri sera no, era molto divertente ma era un’altra cosa…”
La partita prosegue e nel secondo tempo, se possibile, peggiora… “Era difficile fare peggio del primo tempo: ci stanno riuscendo”, spiega un disperato Bisantis.. Dotto invece propone dei passatempi alternativi che comunque mantengano intatto lo “stile” della serata…
“..La canzone è Vecchio Scarpone, la bevanda la camomilla, il film Il Dormiglione di Woody Allen…”
Verso il finale la situazione precipita.. Bisantis se potesse se ne andrebbe…
“..Blind si mette le mani nei capelli come a dire, ma possibile che sono così scarso?!.. Sto giocando una semifinale dei Mondiali..!”
“..Kuyt, una mazzata da taglialegna..!”
E dire che il buon Giuseppe si era presentato allo stadio munito di macchina fotografica per immortalare l’evento…
“..Proviamo a fare una fotografia di quello che sta succedendo in campo: praticamente niente, fotografia sbiadita…..”
Corsini nel frattempo chiede aiuto al Maestro Cucci..
“..Italo Cucci, mi affido a te per una parola di speranza…”
Cucci, pur con tutta la buona volontà, può poco…. Ed anzi, alla fine cede ed infligge ulteriori mazzate…
“..Messi è stato il fantasma dell’opera…”
Tardelli critica (tra le tante, tantissime cose da criritcare…) anche il cambio di Sabella Aguero per Higuain.. Dotto teme l’effetto gufate all’incontrario..
“..Ti auguro, per me e per te, che Aguero non segni….”
In partita non segnerà ma ai rigori in effetti sì, e sarà dunque l’Argentina a conquistare la finalissima del Maracanà.. Corsini dimostra poca considerazione per la professionalità della collega Gianniti…
“..Andiamo da Maria Gianniti, che immaginiamo starà festggiando con i tifosi argentini…!.."

E chi festeggerà domenica a Rio de Janeiro? Lo scopriremo nel nostro prossimo ed ultimo appuntamento!

0 commenti:

TICB Tv

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.