lunedì 23 giugno 2014

Tutto il Mondiale bloB (02)

#tuttoilcalcioblog

di Stefano Stradotto

Amici di Tuttoilcalcioblog.it, terminata la seconda giornata della fase a gironi torna per il secondo appuntamento anche il nostro blob Mondiale.
Nonostante abbia fornito prove fin qui non certo esaltanti, il Brasile vive questo Mondiale circondato dall'entusiasmo dei suoi tifosi; dopo lo 0-0 contro il Messico ecco che però il popolo verdeoro tradisce clamorosamente le sue tradizioni, anche a scapito dell'udito dell'inviata Maria Gianniti, in collegamento dopo la partita...
"..Ci siamo spostati perchè invece della samba c'è musica techno che fa diventare tutti sordi..."
L'organizzazione brasiliana comunque, pur tra mille difficoltà, sta reggendo bene; Italo Cucci, in uno dei suoi interventi, torna però con la memoria ad un altro Mondiale e ad un'altra organizzazione....
"..L'organizzazione del Mondiale coreano era in mano ad un magnate, che probabilmente si è magnato anche l'arbitro Moreno..."
Il più presente per le partite giocate nella nostra nottata è stato senza dubbio Massimo Barchiesi, ormai lanciato sulle orme di Gigi Marzullo.. In orario notturno c'è tempo e spazio anche per altre attività ed altri interessi..
"..Penso che stasera ci interpelleranno per giocare al Superenalotto..!"

Lasciamo il botteghino messo su a margine di Russia-Corea ed occupiamoci di Olanda-Australia, giocata il pomeriggio seguente.. Massimiliano Graziani propone a Marco Tardelli questa considerazione..
"..Robben è il giocatore più veloce, lo hanno rilevato... Tardelli, ai vostri tempi non vi misuravano..."
Un modesto Tardelli conferma..
"No, ma lo avrei battuto..."
E' un Tardelli sempre più scatenato in questi Mondiali radiofonici.. A decidere la partita è un clamoroso doppio errore sotto porta degli australiani, che sul capovolgimento di fronte subiscono poi il gol del 3-2 che sancisce la loro eliminazione.. In occasione della chance fallita un vero e proprio urlo di Tardelli ne sottolinea la gravità, innescando (per bocca di Giovanni Scaramuzzino) un paragone decisamente illustre..
"..Ci chiederemo a fine partita se quel noooooo di Tardelli varrà l'urlo di esultanza della finale del Bernabeu.."
Il più celebre emulo di Munch ci prende gusto e resta in studio anche per la cronaca di Cile-Spagna, subito dopo.. Ed eccolo ritrovare il suo "rivale" Emanuele Dotto... Come raccontato nella scorsa puntata il duello tra i due è stato fin qui serrato.. E nell'immediato pre-partita le schermaglie non tardano a riprendere... Dotto incalza Tardelli...:
"..Marco, fai un pronostico, ma fallo adesso, non alla fine quando sono bravi tutti..."
Tardelli ha già capito che aria tira...
"No no, io li ho sempre fatti..... Stasera bisogna aspettarsene delle belle da Emanuele....."
Poco dopo, a partita in corso, Dotto si rivolge nuovamente a Tardelli con quello che non sappiamo se definire un complimento o...altro...
"..Sentiamo l'opinione del nostro quinto occhio Tardelli..!"
Tardelli per vendicarsi sembra aver assoldato dei complici.. E così Filippo Corsini cambia inopinatamente nome ad Emanuele...
Paolo Casarin sta completando un suo intervento: "...e poi è stato bravo a finalizzare Edu...."
Corsini colpisce..: "Bene... Vai Edu!.....ehm..... Dotto....."
Dotto la prende bene, buttandola sull'anagramma.. "Beh, come vocali e consonanti siamo lì...."
Casarin sembra avere, nel frattempo, un'opinione "positiva" circa la prestazione del direttore di gara....
"...è bello arbitrare senza fischiare, però insomma......."
In campo altra figuraccia delle ex furie rosse.. Prestazione insufficiente anche per una delle stelle più attese, così sintetizzata da Dotto..
"..Diego Costa, un uomo, un fantasma.."
La Spagna sta andando totalmente a picco...
"..Parlavi di nave che si sta sfasciando, in realtà è il fasciame che non c'è letteralmente più..."
A fine primo tempo Corsini stuzzica ancora Casarin sull'arbitro..:  "..Ecco, da ex designatore arbitrale nell'intervallo cosa diresti all'arbitro?"
Si inserisce Dotto, interpretando di certo il pensiero di Casarin... "Cambia mestiere!"

Noi cambiamo invece giorno portandoci al 19 giugno e alla sfida tra Colombia e Costa d'Avorio; Giulio Delfino, nelle pause di gioco, si intrattiene così..
"..La Costa d'Avorio, Fortuna, non è stata, scusa il gioco di parole, fortunatissima... Mi è venuta così, giuro, non l'avevo preparata..!"
Senz'altro preparata, poche ore dopo, la splendida combinazione Cavani-Suarez che porta l'Uruguay al vantaggio contro l'Inghilterra.. Dotto sintetizza l'azione con una riflessione più che mai calzante, nell'era di Twitter..
"..Quando due campioni cinguettano il cinguettio produce il gol.."
L'Inghilterra raggiunge comunque il pari ed allora Dotto stesso suggerisce all'Uruguay di passare alle maniere forti...
"..Ci vuole Fucile per impallinare l'Inghilterra..!"
La partita della notte è invece Giappone-Grecia; il c.t dei nipponici Zaccheroni è sottoposto a dure critiche da parte della stampa giapponese dopo la sconfitta con la Costa D'Avorio.. L'amara considerazione di Dotto..:
"..Il nostro Zac è stato invitato anche dall'Imperatore Akihito, e ora è considerato, come si dice a Milano, poco più che un pirla..."
Italo Cucci, uomo tutto d'un pezzo, esorta però il tecnico italiano ad affrontare la situazione di petto..
"Guarda Emanuele, io sono romagnolo come lui e francamente gli do un consiglio: cogliere l'occasione per scappare via.."
E' il momento degli inni e della presentazione; annotazione tattica di Massimiliano Graziani..:
"..Nella Grecia abbiamo visto un campionario di barbe di tutte le fogge, i giapponesi invece tutti perfettamente rasati..."
Lo stesso Graziani fornisce più tardi anche un'altra informazione "regolamentare"....
"..Emanuele, non si può giocare a calcio senza avere tatuaggi, è previsto proprio dal regolamento, dal contratto..."
Dotto prende atto della cosa, ma pare preoccupato..
"..Per poco, Honda su Honda, non arrivava il maroso..."

Il giorno dopo sono gli azzurri ad essere di scena. Noi ci permettiamo una piccola incursione televisiva su Rai Sport 1, tanto più che in "Pomeriggio Mondiale" ritroviamo uno dei protagonisti del Mondiale alla radio, Italo Cucci.. Ecco il suo esordio ad inizio trasmissione....
"Questa giacca è dell'82, non ha saltato un Mondiale, vincendone due..."
La replica a questo annuncio, che lascia per certi versi un po' sconcertati, arriva da Giampiero Galeazzi, che citiamo volentieri sia per affetto nei suoi confronti, sia perchè anche l'inizio del suo intervento ci riporta alla radio..
"..Saluto Riccardo Cucchi, gli amici della radio, che stanno facendo un grande lavoro. Poi volevo sottolineare che io invece questa maglietta azzurra che indosso l'ho comprata l'altra settimana, perchè di quella dell'82 non mi entra più nemmeno la spalla..."
La partita di Recife andrà poi come tutti purtroppo ben sappiamo.. La riflessione di Filippo Grassia nel post-partita di Radio 1, oltre a fotografare perfettamente il match, è quanto mai opportuna in giornate contrassegnate in Italia dallo sciopero dei benzinai...
"..è una squadra in debito di benzina e che non riesce a trovare un distributore.."
In serata Francia-Svizzera, con il trio Delfino-Graziani-Tardelli a divertire e a divertirsi.. A volte si rubano perfino le battute a vicenda...
"..Volevo dirlo io, ma poi ho pensato meglio che me lo risparmi.. L'avete detto voi..." ci fa sapere Delfino
Nel secondo tempo arriva in conduzione anche Dotto, che propone la sua analisi..
"..Ho l'impressione che la difesa della Svizzera giochi a mosca cieca con un fazzoletto, bendati..."
Più tardi Graziani chiede un po' timidamente la parola.. Sentiamo..:
"Dotto, faccio una battuta anch'io: quando sento nominare Deschamps mi viene sempre in mente il pittore dadaista Duchamp, solo che nella squadra del suo quasi omonimo Deschamps non c'è niente di dada, niente di casuale.."
Immediata richiesta di Delfino..: "Antidoping per Graziani!"
Mentre Francia e Svizzera si sfidano a colpi di gol in cronaca ecco Delfino approfondire temi...sociali..
"..Evidentemente piace alle donne la cresta, altrimenti non avrebbe senso farsi i capelli così... Evidentemente riscuote successo nel pubblico femminile, non credo siano i figli a chiedere ai padri di farsi i capelli così..."
Graziani taglia corto..: "A qualcuno piacerà, o alle donne o agli sponsor.."
Dopo il 5-2 tra transalpini ed elvetici un soddisfatto Italo Cucci interviene in trasmissione..
"..Ci siamo rifatti la bocca dopo nottate intere prive di gol.."
"Dopo nottate di 0-0 squallidi..." gli fa eco Dotto
"L'hanno saputo e si sono dedicati a noi" chiude Cucci, quasi commosso..
La commozione lascia spazio alla preoccupazione per le sorti della nostra Nazionale; Cucci ha in serbo una mossa tattica che potrebbe rappresentare una svolta in vista della partita decisiva contro l'Uruguay..
"..Se davvero andiamo lì con l'idea di giocare per il pareggio, l'unica è pagare un biglietto aereo a Suarez perchè vada in vacanza da qualche parte..."

Periodo di Mondiale ma anche periodo di compleanni in casa Radio Rai: ha festeggiato Ugo Russo, quindi il 21 giugno è la volta di Emanuele Dotto. E' lo stesso Russo a fare gli auguri ad Emanuele in diretta..:
"..Ho avuto gli auguri in diretta l'altro giorno per i miei 24 anni da Emanuele Dotto, oggi tocca a lui, ne fa 25, tanti auguri ad Emanuele Dotto!"
Ci associamo naturalmente anche noi agli auguri, per entrambi..
Nel frattempo arriva il momento di Argentina-Iran. L'inizio degli iraniani pare essere difficoltoso.. Giovanni Scaramuzzino conferma..:
"..E' come se le pendenze del campo fossero a sfavore dell'Iran.."
Insomma, un po' come in Holly e Benji.. (copyright Luca Anzanello)
A seguire da bambino le avventure del cartone giapponese c'era senz'altro anche il direttore di gara Mazic, almeno a sentire Casarin che ritiene abbia delle passioni...irrisolte...
"..L'arbitro è già due volte che finisce in mezzo all'azione, non so, forse ha giocato a calcio e ha voglia di provare.."
Nel frattempo in radiocronaca si alza la posta..
Scaramuzzino:  "..Ne approfitto per farti la classica domanda da un milione di dollari.."
Russo:  "Se perdo non te li do però eh...."
La serata propone Germania-Ghana; è l'occasione anche per l'insolita sfida tra due fratelli in due Nazionali diverse.. Lo sviluppo del match renderà però abbastanza amara la serata in casa Boateng, come sottolinea Emanuele Dotto..
"..Un disastro la partita dei fratelli Boateng.. I due allenatori si sono trovati d'accordo solo su una cosa: sostituire i rispettivi giocatori Boateng"

La domenica che chiude la seconda tornata di partite si apre con Belgio-Russia al Maracanà di Rio de Janeiro; allo stadio c'è anche Maria Gianniti che a fine partita confessa:
"..Mi sono sentita come una bambina in un negozio di giocattoli.."
Più tardi, per Corea-Algeria, si ricompone la coppia Dotto-Tardelli. La serata comincia bene..
"..Tardelli annuisce quindi è segno che probabilmente ho detto una cosa giusta..."
"Tu dici sempre cose giuste Dotto, non mi permetterei mai..."
Poco dopo però Dotto sembra non ricambiare il favore, e Tardelli ci resta male..
"..Dotto non annuisce, quindi non è d'accordo..."
Ed infatti la tregua è finita e riprendono le scaramucce.. Dotto pone, a 32 anni di distanza, la domanda più scomoda...
"..Perchè non eri stato convocato da Pertini a giocare il famoso scopone con Bearzot, Causio e Zoff..?"
"Perchè non aveva capito quanto ero bravo....."
In campo intanto Dotto individua giocatori inaspettatamente devoti..
"..è una partita molto scolastica e la Patrona di questa partita è la sorella di San Benedetto, Santa Scolastica.."
L'Algeria poi mette in chiaro di essere la più forte, mentre tra le fila coreane vengono scoperti degli equivoci piuttosto spiacevoli...
Tardelli:  "..Grande errore del portiere..."
Dotto:  "Portiere.. è una parola grossa..."
Tardelli:  "..Questo è d'albergo, purtroppo...."
Tardelli collabora anche all'individuazione dei giocatori in campo; Dotto annota ammirato..
"..Avete sentito in sottofondo la voce di Tardelli che evidentemente ha riconosciuto dalla postura il giocatore dello Swansea, Ki..."
Ma Graziani insinua un dubbio.....
"..Forse era una domanda....: il tiro di chi??..."
In ogni caso, Tardelli non ha dubbi..:  "Ci stiamo divertendo, questo è sicuro.."
Corsini si inserisce: "Comunque..."
Ma Dotto lo interrompe, evidenziando una certa...latitanza del conduttore....
"Ecco, si sta divertendo anche Corsini che interviene dopo un'ora di assenza..!"
Altre vecchie conoscenze di Tardelli si avvicendano in campo..
"..Entra Belkalem, una conoscenza di Tardelli con cui forse ha mangiato qualche volta il kebab..."
La chiusura spetta ad un'altra delle innovazioni regolamentari di questo Mondiale, di cui ci mette a conoscenza Massimiliano Graziani..:
"..In questo Mondiale le partite durano 90 minuti.."

I nostri "90 minuti" scadono qui; appuntamento al termine della fase a gironi con la terza puntata del BloB Mondiale!

0 commenti:

TICB Tv

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.