#TICBLIVE

martedì 1 aprile 2014
14:51

La Radio-Pagella 2013-2014 Puntata 32

#tuttoilcalcioblog
di Francesco Furlan

Vincitore di giornata: Giovanni Scaramuzzino. Ottima doppietta per il nostro. Impegnato nell’anticipo (insignificante per la classifica, ma interessante per gli aspetti “trasversali”) di S. Siro offre un’integrale di eccellente livello, ben aiutato da un Avallone in ripresa dopo una fase di stanca piuttosto prolungata. Molto bene sui due gol del primo tempo (nessuno dei due radiocronisti individua il peraltro quasi impercettibile fuorigioco di Zaccardo), se la cavano alla grande anche in una ripresa che, in sostanza, termina con la prodezza di Kakà. Ne consegue un lungo periodo in cui si cade talvolta nel salotto, ma senza grossi eccessi. Belle anche le considerazioni all’uscita dal campo del giocatore brasiliano. Scaramuzzino completa poi la sua due giorni come ultimo campo della smilza scaletta domenicale. All’Olimpico di Torino partita gradevole e ben raccontata: anche in questo caso ottime le considerazioni sul “duello” dialettico fra El Kaddouri ed il pubblico granata, così come il gol dei sardi, preso in diretta.

Top
Giuseppe Bisantis: altro “doppiettista” di giornata, l’altro calabrese impiegato in due semi-integrali alternate con i due posticipi di B. La partita del Dall’Ara si chiude abbastanza presto (molto bene sui due gol atalantini), ma, stavolta, il buon Giuseppe riesce a non cadere nella sconfortata “cantilena” che talvolta lo prende nelle partite in cui c’è poco da dire. Spettacolare, a mio avviso, la prestazione nella partita dell’ora di pranzo. Inizio un po’ soft, ma crescendo percepibile mano a mano che la partita aumenta d’intensità fino al gol di Destro. Riesce a cavarsela alla grandissima anche sull’incredibile guazzabuglio che fa seguito al rigore/non rigore per il Sassuolo, dove racconta nel modo più dettagliato e preciso possibile tutto l’accaduto. Se forse gli si può fare un piccolo appunto, è che poi ci torna sopra almeno altre due tre-volte nel corso di una ripresa in effetti non troppo memorabile, calcisticamente parlando. Fortunato nel finale, quando la voce inizia a sparirgli proprio subito dopo il gol di Bastos. Chiude rapidamente e ne ha ben donde.

Emanuele Dotto: buona la conduzione di Sabato Sport, soprattutto nella parte che va delle 23.05 alla fine, visto che legge in diretta un SMS del sottoscritto che parla male di Allegri e Galliani. Accettabile la cronaca della partita dell’Olimpico, a parte un paio di svarioni che analizzeremo più avanti. Molto bene nella divertente partita del Friuli, dove assieme a Sebastiano Franco (un’altra bella scoperta “regionale”, che non sarebbe sgradito sentire anche in cronaca) riesce a prendere senza problemi i momenti salienti della partita; buona anche l’analisi tecnica. Un po’ di salotto niente affatto sgradevole quando si dilunga un po’ sul paese di origine del bravissimo Scuffet (Remanzacco, se non ho capito male). Nelle integrali, quest’anno Dotto è sempre rimasto su livelli davvero ottimi e ieri sera ne abbiamo avuto la conferma.

Massimo Zennaro: derogo volentieri all’abitudine di segnalare solo tre note positive, visto che Zennaro merita ampiamente la citazione fra i migliori. Grandissima prestazione nella debordante vittoria del Padova sul Lanciano. Sbaglia il marcatore del primo gol del Padova, ma si riscatta ampiamente con il resto della radiocronaca. Rischia di perdere una tonsilla per descrivere la travolgente azione del 2-1 di Improta e termina su livelli “barchiesiani”. Alla grande anche nell’altra goleada veneta di giornata, quella dell’Hellas. Qui non sbaglia davvero nulla e chiude anche in questo caso con livello decibel oltre il livello di guardia sulla doppietta di Toni. Molto più istituzionale nel servizio al Tgr delle 19.35.

La puntata di Palasport: è capitato spesso che quest’anno l’ultima nata di RadioRai desse emozioni addirittura superiori alla storica trasmissione pomeridiana; domenica è stato uno di questi casi. Paradossalmente, il più “tranquillo” del lotto per una volta è stato Barchiesi. Le emozioni le abbiamo avute quasi tutte dagli altri campi, dove meritano un enorme elogio Russo (all’esordio nella trasmissione), De Lorenzo (sempre bravissimo) ed una Collazzo costretta più volte a moltiplicare i decibel, causa frastuono del PalaPanini. Applausi anche per Simonetta Martellini, che in qualche circostanza ha dovuto addirittura frenare l’entusiasmo dei diversi inviati. Discorso a parte per Daniele Fortuna, semplicemente spettacolare come secondo campo nella vittoria in volata di Cremona. Fra l’altro, si era pure dovuto sciroppare una trasferta non molto agevole, dato che al sabato era stato il trionfatore della puntata pomeridiana di Tutto il Calcio, con un altro racconto davvero splendido per l’emozionante Trapani-Bari. Una crescita costante, che (mi auguro) possa precedere un suo bell’impiego anche durante i prossimi Mondiali.

Flop
Emanuele Dotto: in una tre giorni complessivamente assai buona, spiccano un poco le due imprecisioni sugli ultimi due gol di Lazio-Parma. Più che giustificabile non aver individuato subito Ciani (del resto l’azione sembrava stra-finita), un po’ meno aver parlato per almeno due o tre volte del “colpo di testa” di Candreva nell’azione che ha deciso la partita, visto che il centrocampista laziale aveva, evidentemente, segnato di piede.

Tarcisio Mazzeo: ottimo nel racconto della partita del Castellani, da dimenticare invece il suo racconto di Verona-Genoa. Graziani lo chiama durante il giro che precede l’inizio di Tutto il Calcio e lui si spaccia spudoratamente per Zennaro, dimostrando anche una capacità di imitarne le voce degna di Noschese. Lo risentiremmo volentieri con la sua voce naturale.

Il blob dei gol della serie B: come faceva notare qualcuno, è forse la prima volta che salta il riepilogo della serie cadetta. Peccato, perché la puntata a sette campi (a mio giudizio da ripetere) è stata una delle migliori della stagione. Stavolta, la colpa è stata dell’intervista a Clarenzio Seedorf e, soprattutto, della chilometrica disquisizione di Tardelli che l’ha seguita. Come ha detto Dotto, meno male che c’è il podcast e, come dico io, meno male che c’è Tutto il Calcio blog, che il blob dei gol non lo perde mai.

0 commenti:

TICB Tv

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.